Tempo di lettura/visione: 6 minuti

Tormentone estivo?
Non stiamo parlando delle musiche che ci accompagnano assiduamente durante l’estate ma dei nostri animali a 4 zampe che vivono al nostro fianco ogni giorno…
Il loro più grande tormento durante i mesi caldi è rappresentato dai parassiti: l’attacco da parte di questi minuscoli insetti verso i nostri amici pelosi è quasi certo, se non lo si previene con attenzione. E chi vuole infestare la propria casa di parassiti fastidiosi?

Può riguardare sia l’esterno che l’interno del corpo dell’animale ed ora vi spieghiamo da quali parassiti rispettivamente è meglio stare sulla difensiva.
I parassiti si differenziano a seconda della zona che vanno ad infestare:

  • Area esterna: la zona del padiglione auricolare delle orecchie del gatto, ad esempio, viene infestata dagli acari che si annidano in profondità e spesso non sono visibili con un esame superficiale. Il pelo, lo sappiamo, è un soffice “nido” protettivo per pulci e zecche che prediligono la zona di pancia, mento e la base della coda come loro dimora. I sintomi provocati riguardano rossori e prurito costante che possono portare ad escoriazioni sulla pelle e ferite.
  • Area interna: più complessa e diversificata è la situazione di possibili parassiti interni al corpo. Quelli intestinali del cane, ad esempio, possono essere tenia, tricocefali, ascaridi, strongili, coccidi etc… e si trasmettono a causa dell’ingerimento di uova all’interno di feci contaminate. Le conseguenze dei diversi parassiti interni si somigliano seppur appartenenti a ceppi diversi e includono diarrea, vomito, spossatezza, dolore addominale fino ad arrivare nei casi importanti ad occlusione intestinale. Alcuni di questi parassiti contagiano anche il gatto quindi è importante seguire una corretta terapia vermifuga seguendo il consiglio del tuo veterinario per entrambi gli animali domestici.

Le malattie nel cane e nel gatto provocate dai parassiti

I vaccini e le visite veterinarie periodiche scongiurano l’arrivo di malattie causate dai parassiti.
In Italia le più diffuse tra gli animali domestici sono:

  • Leishmaniosi, una delle più gravi malattie non guaribile con sintomi a livello viscerale e cutaneo che si protraggono per un anno
  • parassiti intestinali
  • Giardiasi
  • Filariosi cardiaca
  • Ehrlichiosi
  • Rogna dermodettica
  • Rogna sarcoptica

Antiparassitari o collari?

La scelta tra i molti antiparassitari protettivi ti mette in difficoltà?Vediamo le differenze tra le pipette spot-on e i collari.
Le prime hanno un’efficacia protettiva completa, il contenuto viene assorbito in fretta e distribuito completamente nel corpo dell’animale. Le pipette proteggono per 4 settimane dopodiché è da ripetere l’applicazione da aprile fino ad ottobre. Si utilizzano in modo molto semplice, l’unica accortezza sta nel non toccare il cane/gatto subito dopo l’applicazione soprattutto per i bambini.
I collari sono sempre efficaci ma l’assorbimento non è così mirato e diretto. La durata protettiva va dai 4 ai 10 mesi basta applicarlo nella zona del collo dell’animale senza fare più nulla.

E tu cosa useri per proteggere il tuo amico fedele?

Se giovedì 5 maggio sei libero porta con te nella nostra farmacia di Brescia in Via Triumplina 254 il tuo amico a quattro zampe, vi aspettano tanti consigli interessanti, gadget e coccole!!
Prenota il tuo appuntamento e segui le news su Instagram e Facebook.


Product added to wishlist